La prima regola per evitare truffe e fregature se stai cercando una stanza in affitto

By | 7 aprile 2015

Le Dieci Regole per trovare una stanza in affittoSe sei uno stundente o un lavoratore e cherchi una stanza in affitto a Monza Ecco la prima regola più importante per evitare truffe e fregature: assicurarsi di star parlando con la persona giusta.

Ti faccio un esempio così ci capiamo.

Mettiamo che sei uno studente e stai cercando una stanza singola a Monza.

Così ti metti in gioco e mentre stai in Ostello, in albergo o a casa di un amico provvisoriamente ti metti a cercare.

Ti accorgi che trovare una stanza nei pressi dell’Ospedale san Gerardo, della Bicocca o della stazione non è così semplice.

Molti proprietari infatti preferiscono affittare a famiglie o comunque affittano per periodi medio lunghi con il classico e ridicolo contratto di quattro anni rinnovabile.

Sono stato studente anche io e so benissimo che oggi studi a Monza, domani puoi fare un Erasmus di un anno all’estero e dopodomani puoi capire che la Bicocca non fa per te e decidi di trasferirti altrove.

Va da se quindi che non puoi sottoscrivere un contratto quadriennale ed ecco che ti sei giocato la maggior parte dei monolocali e bilocali dai 400 ai 600 € al mese.

Ecco quindi che ti metti a cercare delle stanze singole in appartamenti in condivisione. In questo caso ti troverai di fronte a tre probabili interlocutori:

  1. Il proprietario di casa

  2. L’inquilino regolare

  3. L’inquilino irregolare

Il Proprietario di casa che ti affitta una stanza singola a casa sua

Il proprietario di casa ti squadra da capo a piedi, preferisce di gran lunga le ragazze, ha le sue regole, richiede sempre massima serietà e no perditempo ma poi vieni a sapere che il suo cane o il suo gatto è libero di girare per casa e fare tutto quello che gli pare. Oppure, essendo casa sua lui può ospitare amici e fare casino mentre tu ovviamente non puoi invitare nemmeno un compagno di studi per un ripasso prima degli esami.

Di solito chi ospita qualcuno a casa sua è perché fa fatica a pagare il mutuo e lo stipendio non basta mai oppure è un pensionato che fa fatica a pagare delle bollette e vuole un pò di compagnia in casa.

In ogni caso ha bisogno dei tuoi soldi, ne ha bisogno subito e il più possibile.

Siccome si richiede serietà ovviamente ti chiederà mensilità anticipate e cauzioni da diverse centinaia di euro per mobili che magari ha recuperato in un mercatino dell’usato per 80 €.

Contratto? Non se ne parla neanche. Lo sapevi che in Lombardia oltre il 70% degli studenti fuori sede non ha un regolare contratto di affitto? Questo significa che tre volte su quattro se prenderai una stanza singola da un proprietario di casa avrai un contratto in nero (quindi nessun contratto in realtà).

Questo significa:

  1. Se domani il tuo proprietario trova l’amore della sua vita e se lo porta in casa tu sei fuori
  2. Se domani il tuo proprietario pensionato deve accogliere il figlio o la figlia perché nel frattempo si è separato/a tu sei fuori

Senza preavviso e senza avere un’altra sistemazione ti ritrovi in mezzo a una strada.

L’Inquilino regolare

Questo figuro è meno inquietante del proprietario e dato che è in affitto come te in teoria è più disponibile, amichevole e comprensivo. Sta solo cercando una persona con cui andare daccordo per dividere le spese e l’affitto del suo appartamento.

Magari aveva preso l’appartamento in affitto con la sua dolce metà ma è finita male. Magari fino a qualche tempo fa poteva permettersi di pagarsi l’affitto ma poi ha fatto una rata della macchina di troppo, non fa più tanti straordinari come una volta e quindi è in difficoltà.

Di per sé non c’è nulla di male a cercare un coinquilino. Anche io se fossi al suo posto farei la stessa cosa.

Però c’è un problema. Oltre il 90% dei contratti di locazione standard 4+4 (quello che ha fatto l’inquilino regolare con il proprietario) vietano espressamente la sublocazione.

Cos’è la sublocazione?

E’ l’affitto di un intero appartamento o di una stanza concesso non dal proprietario ma dall’inquilino che ha un contratto di affitto con il proprietario.

Il passaggio è questo:

Proprietario di casa–>contratto di locazione (affitto)–>inquilino–>contratto di sublocazione–>coinquilino (tu)

Il contratto di locazione che il tuo inquilino ha sottoscritto con il proprietario però vieta espressamente la sublocazione dell’alloggio. Questo capita quasi sempre perché i proprietari la inseriscono di base e anche i contratti fac simile che hanno gli agenti immobiliari prevedono questo divieto.

Come fa quindi l’inquilino a farti un contratto regolare?

Molto semplice, non te lo fa. Indovina un pò? Sei di nuovo in nero o magari hai un contratto scritto che però non è registrato. O magari lo avete anche registrato ma è nullo perché c’è un contratto precedente che lo vieta espressamente.

Cosa significa tutto cio’?

  1. Se l’inquilino torna con la sua dolce metà tu sei fuori
  2. Se l’inquilino trova un appartamentino più piccolo da un’altra parte e ci va da solo tu sei fuori
  3. Se il proprietario scopre il vostro contratto abusivo denuncia il suo inquilino e parte con la pratica di sfratto e tu ovviamente sei fuori

Se sei uno studente e cerchi una stanza singola, Quando visiti un appartamento e parli con l’inquilino assicurati di poter registrare il contratto e informati per capire se il contratto che l’inquilino ha con il proprietario preveda la sublocazione.

L’Inquilino irregolare

Questo capita spessissimo purtroppo. Stai cercando una stanza singola e trovi un annuncio interessante. Vai a vedere la casa e ti trovi davanti chi ha messo l’annuncio. Si presenta e sembra cordiale ci parli un pò e scopri che non è il proprietario di casa. Ok allora sei l’inquilino?

La risposta che queste figure ti danno è sempre molto complessa e prevede almeno un paio di passaggi oscuri e misteriosi. Ecco una risposta tipo:

No ma và, io sono la nipote. L’appartamento è in affitto e mia zia è l’inquilina. Ma è all’estero per lavoro da 6 mesi e ci rimarrà almeno altri 6 mesi. Per il momento quindi qui ci sto io perché dai miei mi rompevo troppo le scatole

Se a questo punto hai un minimo di curiosità potresti chiedere a questo figura alcune domande tipo:

Ma tua zia lo sa che vuoi affittare una stanza a sconosciuti in casa sua?

Ma il proprietario lo sa che tua zia è via e qui ci sei tu?

E se lo sa sa anche che stai affittando una stanza?

Ma se tua zia si stufa di stare all’estero e decide di tornare settimana prossima cosa succede?

So che detto così può far ridere ed è anche divertente ma devi considerare che in Lombardia questa purtroppo è la norma. Tre studenti su quattro sono in queste condizioni di precarietà e illegalità più totale.

Se sei uno studente o un lavoratore e stai cercando una stanza a Monza la situazione è simile a quella che ti ho descritto sopra ma penso di averti dato alcuni elementi validi per capire come muoverti e spero tu abbia imparato a:

evitare fregature di ogni tipo

distinguere con domande chiare e precise un proprietario da un inquilino (regolare o irregolare)

Combattere per un contratto di affitto regolare

Ovviamente a Monza c’è anche una quarta figura con cui puoi parlare e trovare la tua stanza singola arredata in affitto

Non sto neanche a dirti chi è.

Se vuoi saperne di più scarica il nostro video lasciando la tua mail nel box rosso qui a fianco

Se hai già preso una decisione clicca qui e chiamaci per sapere se abbiamo la stanza che fa per te.

Un caro saluto

Diego

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *