Scopri le tecniche per sottoscrivere un contratto di affitto a prova di bomba e come riavere indietro la tua cauzione a tempo record

By | 15 dicembre 2014

stanzamonzaminiSe stai cercando una stanza in affitto a Monza e ti è stata chiesta una cauzione ecco tutto quello che devi sapere (che nessun proprietario o avvocato ti dirà mai)

La legge prevede una serie di cose che non sto qui a ripeterti perché trovi mille articoli su internet scritti da avvocati competenti in materia. Quello però che nessun proprietario ti dice e che non trovi scritto da nessuna parte è l’articolo di legge più forte di tutti, che supera tutti gli altri articoli che questi avvocatoni citano con cognizione di causa.

Ebbene l’articolo più importante di tutti me l’ha insegnato mio padre quando avevo dieci anni e me lo ricordo ancora.

L’articolo è questo:

“Articolo Quinto: Chi ha i soldi in mano ha vinto”

Non andarlo a cercare sul codice civile o in qualche altro testo. E’ un articolo di legge universale che è così potente che non ha nemmeno bisogno di stare scritto da qualche parte.

In alcuni blog o articoli che parlano di affitti leggo delle bestialità assurde a cui ho deciso di rispondere, dal basso della mia cultura popolare.

Ad esempio una delle cose che leggo su internet è questa:

La cauzione può essere anche uno strumento redditizio in quanto produce degli interessi all’inquilino

Ma stiamo scherzando? Solo un idiota può considerare un investimento lasciare congelate diverse centinaia se non migliaia di euro per anni per avere degli interessi legali pari allo 0,5% (questa è la soglia degli interessi legali da gennaio 2015). Sono sicuro che perfino tu, studente al primo anno di medicina che vieni da un liceo classico e non sai nulla di economia riesci a trovare un modo migliore per investire questi soldi e avere un rendimento superiore all’1%. Quindi smettiamola di prenderci in giro.

La cauzione è fissata al massimo in tre mensilità (di norma escluse le spese condominiali)

Questo è quello che prevede la legge, ti faccio notare che dice massimo tre mensilità, non sei obbligato per forza a pagarne 3. Prova magari a fare una controproposta al proprietario proponendogli magari di pagargli più mensilità anticipate e di ridurre la cauzione. Nessuno andrà in galera se la cauzione invece di essere di 3 mesi è di due o uno.

La restituzione della cauzione dell’affitto, e il versamento degli interessi non ancora corrisposti, dovranno avvenire solo e unicamente a seguito dello sgombero dell’appartamento da parte dell’inquilino, cioè il versamento della cauzione deve avvenire quando il vincolo contrattuale si sarà risolto, a seguito di un’accertazione effettuata da parte del proprietario dell’immobile che potrà verificare la presenza di eventuali danni apportati alla casa o appartamento. Il versamento della cauzione può avvenire entro un massimo di 10 anni di tempo

E qui entra in vigore l’articolo Quinto che ti dicevo prima, il proprietario prima di ridarti indietro la cauzione deve sincerarsi che l’appartamento è stato sgomberato a vincolo contrattuale risolto. E qui sta la fragatura. Il proprietario quando tu te ne sei già andato può inventarsi millestorie o scuse per non ridarti la tua cauzione. Potrebbe dire che non hai imbiancato, che hai danneggiato dei serramenti, che hai rotto le doghe del letto, che hai rotto un forno o un armadio e via dicendo.

A tutti i giuristi o gli avvocati là fuori: so benissimo anche io che il proprietario non può trattenere la cauzione per il risarcimento danni ma deve farsela autorizzare da un giudice ma so anche che nessun inquilino si rivolgerà mai ad un avvocato e farà mai una causa per recuperare qualche centinaio di euro.  E se lo so io, lo sa anche il proprietario scorretto.

Poco importa se quel serramento era già mezzo rotto quando sei entrato.  Ricorda che l’articolo Quinto dice che chi ha i soldi in mano ha vinto.

Ecco invece cosa devi fare quando sottoscrivi e quando termini un contratto di affitto. Se hai trovato una stanza o un appartamento a Monza e stai firmando un contratto di affitto ecco quello che devi fare

  1. Fai un inventario di tutto quello che c’è nella stanza o nell’appartamento e constata insieme al proprietario lo stato di usura di ogni singolo pezzo di inventario, se possibile effettua anche delle foto, stampale e firmatele entrambi.
  2. Pretendi che l’inventario e le foto vengano inserite nel contratto di affitto come allegato (bisognerà pagare qualche euro in più all’Agenzia delle Entrate ma ne vale la pena).
  3. Quando devi uscire e abbandonare la stanza o l’appartamento fissa un appuntamento con il proprietario. Provvedi allo sgombero dell’appartamento o della stanza, fai in modo che ci sia solo una valigia pronta sul letto. Lascia che il proprietario si accerti che la stanza o l’appartamento non abbia subito danni.
  4. Prepara una certificazione che lo stato della stanza o dell’appartamento è tale e quale a come lo hai trovato e falla sottoscrivere al proprietario.
  5. Visto che l’appartamento o la stanza sono sgombri e tu sei pronto per andartene pretendi il pagamento immediato della cauzione.
  6. Non uscire dall’appartamento o dalla stanza senza prima avere un assegno in mano e non consegnare le chiavi.

L’unica arma che hai sono le chiavi e la tua permanenza dentro la stanza. Appena varchi la soglia e riconsegni le chiavi senza un assegno per la cauzione sappi che difficilmente la rivedrai.

Perché ti dico tutte queste cose?

In passato alcuni miei amici, quando stavano a Ferrara per motivi di studi, sono incappati proprio in questo problema. Se ne sono andati lasciando libero l’appartamento confidando nella buona fede del proprietario.

Con questo non voglio insinuare che tutti i proprietari di casa siano affaristi senza scrupoli che fregano giovani studenti o lavoratori sprovveduti che cercano una stanza o un appartamento in affitto a Monza. Molto probabilmente ci sono una stragrande maggioranza di proprietari onesti e corretti, che risolvono ogni esigenza o lamentela dell’inquilino, pagano regolarmente gli interessi annuali sulla cauzione e non si sognerebbero mai di intascarsela.

Però tutelarti e prendere qualche accorgimento non ti costa assolutamente nulla.

Se invece sei uno studente o un lavoratore e stai cercando una stanza  a Monza e vuoi evitare del tutto questo problema sai già cosa devi fare. Puoi rivolgerti a me e allo staff di StanzaMonza. Se abbiamo una stanza libera saremo felici di aiutarti. Con noi non ci sono cauzioni o mensilità anticipate da pagare.

Trovi tutto quello che devi sapere negli altri articoli di questo blog.

Un caro saluto

Diego Bosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *